Home


Recensioni &
Anteprime


Guide & Speciali

Mod & Total Conversion

Iscriviti alla Community

Forum

Download

Clan

Contattaci o collabora

 

 

 

FTI - Community Multiplayer e Clan Fps

 

 

LINK SPONSORIZZATI:

SERVIZI FOTOGRAFICI PORDENONE - shooting fotografici glamour metart cosplay

Corsi di informatica Lezioni Ripetizioni a domicilio Word Excel Powerpoint Photoshop Flash HTML ECDL Preparazione a esami e concorsi

LINK SPONSORIZZATI:

Corsi di informatica
Lezioni e ripetizioni a domicilio
Word Excel Powerpoint Photoshop Flash HTML ECDL - Preparazione a esami e concorsi

Creazione, sviluppo e aggiornamento siti web

Fotografo per servizi fotografici di eventi, feste, modelle e hostess.
Tutti i tipi di fotografia fra cui ritratti, glamour, foto artistica, foto d'azione.
Pordenone - Portogruaro - Udine - Latisana.

 

Giacomo Rossi - Ceregnano - Cioci

Forum sui First Person Shooter single player e multiplayer - Entra nella community per fraggare con noi
 
WOLFENSTEIN 3D
Data di uscita: maggio 1992
Requisiti minimi: IBM-PC e compatibile, MS-DOS(R) 5.0 o maggiore, 640K RAM, 3 MB di spazio su Hard Disk, processore 386/33 MHz , scheda grafica VGA , Joystick e mouse opzionale, Sound Blaster ao scheda sonora compatibile 100%
Developer: id Software
Publisher: Apogee Software
Motore grafico: Wolfenstein 3d Engine
Grafica:
95%
Longevità:
95%
Sonoro:
95%
Multiplayer:
n.d.
Giocabilità:
95%
Globale:
95%

RECENSIONE a cura del webmaster

Senza testo alternativo

Wolf3d

Spear of destiny

SS

guard


Wolfenstein 3D è il primogenito degli FPS o quasi volendo considerare Catacomb Abyss il primo vero FPS. Il voto molto particolare gli è stato dato proprio per l'originalità e l'importanza nel mondo dei videogames. Per la prima volta (1992) era possibile camminare in un mondo 3D, un falso 3D. Falso perché non esistevano piani sovrapposti, perché tutte le stanze erano disposte allo stesso livello (nessun gradino per intenderci), perché i nemici e gli oggetti erano delle bitmap 2D (niente poligoni).

Senza testo alternativo


Quante volte ho dovuto premere sulla barra spaziatrice per trovare le stanze segrete; eppure combattere i nazisti con i loro cani era qualcosa di veramente emozionante.
I limiti del gioco a ripensarci erano molti, ma siccome fu il primo del genere non si notavano.

Senza testo alternativo

Per non parlare dei combattimenti di fine livello con Hitler sul mech o contro il suo fantasma o contro i suoi ufficiali tedeschi. Di seguito riportiamo alcune loro immagini, fra cui i pastori tedeschi, i soldati nazisti, i sottoufficiali delle SS, Hans Grosse (boss del primo episodio shareware), gli ufficiali, i mutanti, il dottor Schabbs, il fantasma di Hitler, Hitler nel mech e a piedi, Otto "The Poisonmaker" Giftmacher (altro boss scienziato catttivo), Gretel Grosse e il Generale "Fat Face" Fettgesicht.

Senza testo alternativo
Senza testo alternativo
Achtung
Senza testo alternativo
Mein Leben
(when dies)

Senza testo alternativo
Senza testo alternativo
Senza testo alternativo
Senza testo alternativo Senza testo alternativo Senza testo alternativo
Senza testo alternativo
Senza testo alternativo
Senza testo alternativo
Senza testo alternativo
Senza testo alternativo

Vi starete chiedendo cosa c'entra il PacMan di sopra con i nemici di Wolf3D: non tutti sanno che nel livello 7 dell'episodio 3 c'è un'entrata molto nascosta per accedere al livello segreto del terzo episodio.
All'interno di esso, oltre alle truppe tedesche, ci sono 4 Pac-man colorati invincibili, scopo del livello è prendere tutti i tesori senza farsi toccare per poi scappare nell'ascensore. Una chicca in onore di Pac-Man!

Senza testo alternativo

Un'altro livello segreto si distingue dal resto del gioco. Cosa intendo? In tutto il gioco dovete farvi largo sparando a tutto ciò che si muove, ma nel livello segreto del quarto episodio gli ufficiali saranno un centinaio in uno spazio relativamente grande. Inutile farsi sentire sparando, c'è li avreste tutti addosso e il game over sarebbe inevitabile. Inutile farsi una corsa verso l'ascensore perchè vi scontrereste contro qualche ufficiale con le stesse conseguenze dell'esempio precedente.
L'unica è trovare, piano piano e senza sparare, la strada per arrivare all'ascensore. Impossibile? Provateci...
In ogni caso questo è il primo livello stealth in un FPS, onore a Wolfenstein 3D!

Senza testo alternativo

Il gioco fu rilasciato in versione shareware; il quale come molti altri games della ID Software (vedi il platform Commander Keen) aprì le porte a un nuovo modo di commercializzare i videogiochi (provi i primi livelli e se ti va acquisti il gioco intero). Wolfenstein 3D comprende sei episodi con circa 10 livelli a episodio:
Escape from Wolfenstein (quello della demo shareware)
Operation: Eisenfaust
Die, Fuhrer, DIE!
A Dark Secret
Trail of the Madman
Confrontation

Da provare assolutamente anche se la grafica è datata, visto che esiste un MOD, tale NewWolf che aggiunge le OpenGl al mitico sparatutto, dandogli un effetto antialias e la risoluzione di 800x600, oltre a dargli l'audio digitale (non il solo bip dell'altoparlantino interno) se nel vostro Windows XP o NT non lo sentite.

L'inno nazista "Horst-Wessel-Lied" è stato utilizzato come colonna sonora nella schermata iniziale del videogioco Wolfenstein 3D, scelta che è stata la concausa del blocco delle vendite del gioco in Germania nel 1994.
I riferimenti al nazismo erano troppi in questo videogame.

a cura del webmaster

RECENSIONE ALTERNATIVA
a cura di Giovanni "FraggerZua" Carta

Nel 1992 la (sconosciuta) IDSoftware lancia sul mercato Wolfenstein 3D. Nessuno si aspettava che da quell'anno sarebbe diventata una delle più miliardarie software house del mondo. Tutto il merito è dovuto al sopraccitato Wolfenstein 3D, che al tempo rivoluzionò il modo di giocare. Wolfenstein 3D (da ora W3D) narra le vicende di una spia americana della 2a guerra mondiale (William J. "B.J." Blazkowicz), che per riuscire ad estrapolare importanti informazioni nelle retrovie tedesche, dovrà vedersela con gli stessi nazisti.

Senza testo alternativo

Di per se la storia attira e quasi incita il videogiocatore ad immergersi immediatamente in questa strana atmosfera. Il bello viene ora... W3D era concepito in modo da tale da essere il primo sparatutto tridimensionale in soggettiva, proprio perché offriva al giocatore una visuale a 360°. Immaginate che cosa era in grado di suscitare tale visione agli occhi di un normale videogiocatore del tempo... W3D sconvolse gli allora canoni dei videogame, dette nuovi impulsi all'industria ludica e rivoluzionò il modo di giocare.

Senza testo alternativo

A W3D fu affiancata un'altra innovazione, lo shareware; oggi metodo usatissimo per quasi tutti i software di tipo commerciale, allora consisteva nel provare il primo episodio dei sei presenti nella versione completa di W3D. W3D era non solo tecnicamente avanzato, ma dava parecchie soddisfazioni grazie al controllo eccellente e alle strepitose musiche stile militare che accompagnano il personaggio per tutti i livelli. Ammetto di essere rimasto ipnotizzato la prima volta che ho visto passare sullo schermo così tanti nazisti insieme.

Senza testo alternativo

Vorrei ora spendere due parole sull'origine del gioco e sulla grafica 3D. La ID, infatti, prese spunto per il proprio gioco da un avventura che produsse la Muse Software per Atari e per C64 nel 1983; il nome era: Castle Wolfenstein. Il motore grafico di W3D aveva basato il design dei nemici in 2D, ma i loro movimenti che si coordinavano con quelli del personaggio facevano pensare ad un vero e proprio mondo tridimensionale.

Senza testo alternativo


Beh credo di avere speso le mie ultime parole sul grande W3D, ma vorrei concludere informando coloro che lo disprezzano più per anzianità che per altro, che nel 92 questo "giochino" dette vita a fenomeni commerciali che si estendono fino ai giorni nostri con gran successo. E' grazie ad esso che oggi migliaia di giocatori vivono emozioni (anche on-line) giocando ai più conosciuti fps attuali (Unreal, Half Life e Quake III, tanto per citarne qualcuno). Perciò se proprio non avete voglia di giocarci un po' valutate W3D con un po' di rispetto... :)



Recensione a cura di
Giovanni "FraggerZua" Carta.

Commenta la recensione di Wolfenstein 3D ed esprimi la tua opinione sul gioco.

EASTER EGGS

PAC-MAN

Dal livello 7 del terzo episodio tramite l'ascensore evidenziato nella figura sottostante è possibile accedere al livello 10 (quello segreto),

Senza testo alternativo

dove incontreremo 4 fantasmini colorati e invincibili.

Senza testo alternativo

Scopo del livello è raccogliere tutti i tesori senza farsi toccare dagli spettri colorati e senza farsi uccidere dai nazisti e poi scappare di fretta nell'ascensore.

Senza testo alternativo

TRUCCHI

Per scegliere il livello da cui partire fate partire il gioco con la seguente riga di comando

wolf3d /tedlevelx (x il numero del livello da cui partire)

Per attivare il cheat mode, invece fate partire il gioco con la riga di comando:

wolf3d -next(v1.0)
wolf3d -goobers(v1.1+)
sod -debugmode

Digitare poi:

[J] [A] [M] [Enter] - Questi tasti devono essere premuti tutti contemporaneamente per avere tutta la vita, chiavi, munizioni e armi. In alcuni addon questo trucco potrebbe comportare il suicidio o la
confisca di tutte le armi e chiavi.


[CTRL] + [TAB] + [RETURN] (v1.0)
[ALT] + [SHIFT] (v1.1+)
[ALT] + [SHIFT di sinistra] + [BACKSPACE] (SOD)

Ed ecco i tasti speciali:

[TAB] + [B] - cambia il colore del bordo dello schermo
[TAB] + [C] - numero delle porte
[TAB] + [E] - salta al livello successivo
[TAB] + [F] - visualizza le vostre coordinate
[TAB] + [G] - god mode
[TAB] + [H] - vi ferisce automaticamente
[TAB] + [I] - aggiunge oggetti al vostro inventario
[TAB] + [M] - utilizzo della memoria
[TAB] + [N] - per passare attraverso i muri (v1.0)
[TAB] + [O] - mappa (v1.0)
[TAB] + [Q] - uscita veloce
[TAB] + [S] - slow motion
[TAB] + [W] - salta al livello scelto


Soluzionistore - Trucchi cheat soluzioni guide strategie e tattiche di giochi games videogames e videogiochi

FIRST PERSON SHOOTER - FPS ITALIAN TEAM - FPSTEAM
Copyright 2005 - info@fpsteam.it