Home


Recensioni &
Anteprime


Guide & Speciali

Mod & Total Conversion

Iscriviti alla Community

Forum

Download

Clan

Contattaci o collabora

 

 

 

FTI - Community Multiplayer e Clan Fps

 

Senza testo alternativo

Forum sui First Person Shooter single player e multiplayer - Entra nella community per fraggare con noi
L'ARMERIA:
AK-47

L'AK-47 (la cui sigla sta per Avtomat Kalashnikova modello 1947) è un fucile mitragliatore (o fucile d'assalto), progettato appunto nel 1947 da Mikhail Kalashnikov, sottufficiale dell'esercito russo.

L'AK-47 (o "Kalashnikov", come è popolarmente noto) fu il capofila di una vastissima serie di armi ispirate alle sue concezioni meccaniche, balistiche e d'impiego, per lo più adottate da paesi in qualche misura legati all'Unione Sovietica.

È stato affermato, non senza verosimiglianza, che non meno di 50 eserciti regolari lo adottino come ordinanza e che ne siano stati prodotti più di 100 milioni di esemplari.

AK47

La leggenda

Consci del potere della suggestione e del valore tecnologico dell'arma, i sovietici fecero circolare, durante la guerra fredda, una nota leggenda sulle modalità della sua ideazione.

Secondo la versione "ufficiale", il sergente dei carristi Kalashnikov, ferito durante la seconda guerra mondiale, nel suo letto d'ospedale avrebbe a lungo riflettuto sulla possibilità di realizzare un'arma che potesse garantire alla Russia una supremazia d'armamento adeguata alla sua importanza. Avendo saputo che i comandi strategici del Cremlino erano alla ricerca di un'arma da breve raggio che potesse usare una cartuccia di calibro 7,62 mm, già usata per il poco soddisfacente Simonov SKS, avrebbe subito pensato alla possibilità di realizzare qualcosa di simile all'StG-44, lo strabiliante sturmgewehr tedesco nel frattempo messo in campo, purché ne avesse le qualità, ma non i difetti.

La CIA, come noto, ribatté che la leggenda era pura propaganda, sostenendo che si fosse sfruttato il nome di un eroe di guerra per ammantare di sentimenti idealistici una frenetica ricerca condotta da diversi gruppi di armaioli; comunque la ricerca, anche secondo gli americani, puntava a costruire l'arma intorno al calibro, ed il progetto fu sviluppato con questo preciso obiettivo.

AK47

La tecnica

Che l'AK-47 fosse in qualche modo ispirato dall'StG-44 anche i sovietici cessarono presto di smentirlo. Del rifinitissimo fucile d'assalto tedesco aveva mutuato la classe di dimensionamento ed il tipo di dislocamento, i concetti di recupero del gas, i caricatori ricurvi. Dei difetti dell'arma germanica aveva invece radicalmente abbandonato il tipo di realizzazione: se l'STG era un costosissimo capolavoro di forgia, il Kala sarebbe stato composto assai economicamente di scatolato di latta stampata, con vantaggio anche di peso e di facilitazione della produzione di massa, ed anche le meccaniche furono ristudiate in queste ottiche.

Da parte statunitense si tende a sminuire l'ispirazione dell'StG, sostenendo che sarebbe stato invece il fucile americano Garand M1 ad essere "copiato", sebbene molti esperti neutrali non avallino questa presunta primogenitura.

 

Evoluzione

Le dimensioni di diffusione ostacolarono un ripensamento radicale dell'arma, consentendo perciò solo minime revisioni che giunsero con le varianti:

* AKM, AKMS
* AK-74, AKS-74, AK-74U
* RPK, RPRS, RPK-74, RPKS-74
* AK-103
* AK-47 Beta-Spetsnaz.

 

Armi derivate dal Kalashnikov

In Russia, i concetti di fondo dell'arma furono sviluppati anche per la produzione di altri tipi di arma:

* RPK (o RPK 47), mitragliatore a bipiede (1959)
* PK (poi PKS), mitragliatrice a nastro a bipiede (1965)
* PKB, mitragliatrice pesante a treppiede
* PKT, mitragliera da carro
* Saiga, carabina da caccia per uso civile, sviluppata in tempi recenti dalla Izhmash, erede dell'originaria fabbrica IZH (di Izhevsk).

Inoltre, già dalle prime serie l'AK-47 destò l'attenzione di armate diverse da quelle russe, e ben presto l'arma cominciò ad essere letteralmente copiata per la produzione di modelli pressoché uguali in altri paesi. In quasi tutti i paesi del blocco comunista si ebbero versioni "nazionali" del fucile.

Dalle case d'armi che riprodussero loro versioni del Kalashnikov, vennero una pletora di modelli strettamente apparentati con il progenitore:

* Polican (Albania)
* Galil (Israele)
* Valmet (Finlandia)
* Insas (India)
* AK 47 light (Bulgaria)
* MISR (Egitto)
* AMD 65 (Ungheria) - seguito dal lanciagranate anticarro AMD 69
* Mpi-KM e MPi-KMS-72 (Repubblica Democratica Tedesca - DDR)
* M22 e 56-1 (Cina), che produsse anche una carabina da caccia nota con la generica sigla SlHC (Self-loading Hunting Carbine)
* 58 (Corea del Nord)
* AKM (Cuba)
* kbkg wz. 1960, kbk wz. 88 Tantal, kbk wz. 96 Beryl (Polonia)
* Pistol Mitraliera 63 (Romania)
* M70.V1 (Yugoslavia)

In base alla licenza "GNU free documentation license", i contenuti di questa pagina sono stati presi da "http://it.wikipedia.org/wiki/AK_47"


SWAT 4

ak47_pigi2
Project IGI 2


SWAT 4